This site has limited support for your browser. We recommend switching to Edge, Chrome, Safari, or Firefox.

SPEDIZIONI GRATUITE Oltre i 69€ di spesa

Che argento scegliere? 999, 925 o 900?

L'hai mai visto l'argento allo stato grezzo?

L’argento è un elemento chimico, significa quindi che si trova così in natura, proprio sotto la crosta terrestre.

La sua bellezza è data dalla lucentezza: Il suo nome deriva dal latino “argentum” e dal greco “αργύɩον αργός” che significa “candido e lucente”.

Nella storia è stato simbolo di ricchezza, considerato infatti il metallo più prezioso, dopo l’oro.

Fin dall’antichità veniva utilizzato come merce di scambio, da ornamento e per costruire utensili.

Nel Buddhismo è il secondo dei sette tesori, simboleggiando la virtù.

In molte credenze l’argento è associato alla luna e a divinità femminili.

Gli alchimisti associano il simbolo della luna proprio all’argento.

Le sacerdotesse pagane indossavano ciondoli di argento che venivano indossati durante i loro riti con la luna piena. Questi amuleti spesso raffiguravano proprio la luna, come questo ciondolo Atlantica: https://atlantica.store/collections/c-o-l-l-a-n-e/products/collana-halfmoon  

Vuoi sapete quali sono le principali caratteristiche di questo metallo?

Questo metallo è considerato protettivo, infatti si credeva che solo armi in argento potessero uccidere vampiri e lupi mannari.

Ancora oggi si pensa che, indossando un amuleto d’argento, si possa respingere la negatività, attirando a sé amore e serenità.

Impianti elettrici ed elettronici, emulsioni fotografiche, produzione di monete, medicina, specchi, batterie, esplosivi, articoli di gioielleria e argenteria da tavola… Questi sono solo alcuni degli utilizzi di questo metallo.

E quali sono i tipi che esistono in commercio?

Esistono diversi tipi di argento e si differenziano per il grado di purezza. Questo significa che l’argento puro viene unito ad un altro metallo, formando una lega.

Questo è necessario perché l’argento è un metallo eccessivamente morbido per essere lavorato puro ed unendolo per esempio al rame o al piombo, diventa più forte.

La % di argento non ne determina solo il valore economico ma anche la capacità di essere lavorato: più argento contiene e più è malleabile e quindi sarà in grado di creare piccoli particolari sull’ oggetto.

In commercio troviamo 5 tipi di argento:

  1. 999/1000: o argento puro, ne contiene infatti al 99,9%.

Lo troviamo in lingotti o piccole palline da acquistare come bene di rifugio, come l’oro, ma meno costoso.

2.       925/1000: detto anche “sterling”, contiene il 92,5% di argento.

Lo troviamo in lingotti, argenteria e gioielleria di Atlantica 😉

 

  1. 900/1000: contiene il 90% di argento.

Lo troviamo in monete da collezione e medaglie.

  1. 835/1000: contiene l’83,5% di argento.

Famoso per essere stato utilizzato per la moneta delle 500 Lire.

  1. 800/1000: contiene l’80% di argento. Lo troviamo soprattutto nell’argenteria.

Qual è il miglior argento?

Se consideriamo il valore monetario, più alta è la % di argento e più sarà alto il suo valore. Ma abbiamo anche detto che non è possibile creare manufatti di argento 999, quindi, per quanto riguarda la gioielleria, l’argento 925 è sicuramente il migliore e il più pregiato.

Come faccio a capire se è vero argento?

Per riconoscere i diversi argenti troviamo una “punzonatura” sull’oggetto, cioè la stampa del numero “925” che vedete nei gioielli di Atlantica. Ma può capitare non sia possibile stampare il numero sul manufatto, perché piccolo o troppo irregolare.

Possiamo quindi eseguire dei test sul nostro oggetto:

  1. PIEGALO CON LE MANI: se ci riesci senza sforzi è di metallo prezioso.

Infatti, nei gioielli Atlantica, questo si vede soprattutto negli anelli regolabili: https://atlantica.store/collections/anelli

Attenzione però a non esercitare una forza eccessiva! soprattutto gli anelli più sottili, sono anche delicati.

  1. L’ARGENTO SUONA: Se provi a picchiettarlo delicatamente con una monetina sentirai un suono acuto e squillante, simile ad una campanella.
  2. ANNUSALO: l’argento è inodore, se senti un odore intenso vuol dire che contiene troppo rame per essere un 925.
  3. ANNERISCE: Uno dei motivi per cui questo metallo viene così utilizzato è che annerisce ma non si rovina, quindi, se crea una patina nera è argento!

Abbiamo già visto assieme come pulirlo:  https://atlantica.store/blogs/notizie/come-fare-a-pulire-i-gioielli-dargento-guida-definitiva

  1. CERCA IL FERRO: L’argento non ha proprietà magnetiche, quindi non verrà attratto da nessuna calamita. Prova! se questo succede significa che contiene una componente ferrosa al suo interno, troppo alta per un 925.
  2. RAFFREDDALO: Come abbiamo detto l’argento è un ottimo conduttore termico, ma non giocare con il fuoco! Prova con il ghiaccio:
  • Se appoggi la tua argenteria su una superficie piana e sopra un cubetto di ghiaccio vedrai come il ghiaccio si scioglierà velocemente!
  • Se invece metti il tuo gioiello sul ghiaccio sentirai quanto l’argento diventerà freddo!
  1. NON DIMENTICARTI DEGLI ESPERTI: se hai dubbi, portare i tuoi oggetti da un professionista è sicuramente la scelta migliore, eseguirà dei test di laboratorio e ti darà le risposte che cerchi.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto!

Tu che metallo preferisci per i gioielli? 

Lascia un commento

Ricorda, i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello

Nessun prodotto disponibile per l'acquisto

Il tuo carrello è vuoto.